Che cosa è l’implantologia dentale?

L’implantologia dentale risolve i problemi di mancanza di elementi dentali, l‘implantologia dentale è quella disciplina medica, che ti offre l’opportunità di tornare a sorridere e masticare, inserendo degli impianti dentali artificiali quando i tuoi elementi dentali, per una qualsiasi ragione, cadono.

L’implantologia dentale ti offre l’opportunità di sottoporti ad interventi dentali chirurgici, dove per mezzo di viti, impianti dentali, che vengono avvitate nell’osso di ripristinare la tua vecchia funzionalità masticatoria ed estetica attraverso denti elementi dentali artificiali, le protesi.

Oggi in innumerevoli occasioni, questo risulta possibile e semplice, vi sono altre realtà dove questa riabilitazione dentale, risulta estremamente difficile ed ostica.

Coma capire e procedere nelle diverse atrofie mascellari?

Alcuni casi clinici presentano, riassorbimenti di osso mascellare tale, che diviene realmente difficile intervenire, per riuscire a posizionare nuovamente degli impianti dentali artificiali, per risolvere con una dentatura artificiale, la mancanza di elementi dentali.

Quando si verificano queste situazioni atrofiche gravi, come intervenire?

Generalmente il paziente atrofico grave è colui, che perde gli elementi dentali posteriori del mascellare superiore da decenni, non riabilitando la bocca per tempo con gli impianti dentali artificiali sostitutivi, tende a risolvere l’edentulia, con una protesi dentale removibile, questa scelta, se pur nell’immediato risolve l’estetica e la masticazione, nel lungo periodo, contribuisce all’aggravamento del riassorbimento osseo, sino a giungere alla massima esperissione di tale fenomeno, con assenza totale di cresta alveolare, in questi casi, non si riesce neppure più a portare una protesi dentale removibile.

Cosa succede al nostro osso, dove è localizzato questo ammanco e quale parametro provoca il fatto di sottoporci agli impianti zigomatici?

Indipendentemente dalla motivazione qualsiasi paziente dopo la panoramica durante una visita doverre presentare una grave assenza di osso alveolare nelle zone posteriori del mascellare superiore, questa persona è obbligata ad essere riabilitato con queste tipologie di tecniche complesse, perchè sino ad oggi la grande sfida per il chirurgo è stata sempre riuscire ad inserire una qualsiasi tipologia di impianto dentale, nella zona d’osso alveolare posteriore del mascellare superiore. In poche parole questa zona si trova esattamente sotto i seni mascellari, dove sono presenti tutti i nostri molari e una parte di premolari.

(Panoramica Reale Paziente) Esempio grave di ammanco d’osso alveolare posteriore del mascellare superiore, provocato da edentulia iniziale e 20 anni di Protesi Mobile.

In questi casi cosa fare?

In questi casi clinici gravi, le strade per la soluzioni di tali patologie atrofiche, vengono nel 95%100 risolte con le tecniche chirurgiche che seguono:

 

  1. 1 Innesti d’osso autologhi
  2. 2 Grandi rialzi dei seni mascellari
  3. 3 Implantologia Zigomatica QUAD ZYGOMA 4 impianti zigomatici solo frontali.

Le soluzioni tecniche chirurgiche  che vedete elencate sopra sono le tecniche ordinarie che vengono usate nel 95%100 dei casi nei centri odontoiatrici in Italia.

Esistono alternativa a queste tecniche chirurgiche, per risolvere definitivamente in altro modo, il grave ammanco di osso alveolare posteriore del mascellare superiore?

LE NOSTRE SOLUZIONI ALTERNATIVE

Certamente, presso il nostro centro specialistico di Padova grazie al Prof. Roberto Conte, 43 anni di esperienza, possiamo offrire soluzioni alternative, alle soluzioni chirurgiche ordinarie.

Tramite la tecnica chirurgiche del Prof. Roberto Conte:

1 La tecnica chirurgica del Galileus Cerclage Sinus™

Viese eseguita una visita medica specialistica potrà dirti, se rientri in parametri anatomici, per sottoporti a questa tecnica che il Prof, Realizza in esclusiva presso il proprio centro specialistico di Padova.

2 La tecnica chirurgica Implantologia Zigomatica Basale VARIANTE Meno invasiva

Viene eseguita una visita specialistica per valutare le condizioni anatomiche, per poter sottoporsi a questa tecnica variante di implantologia zigomatica.

  1. In cosa consistono queste 2 tecniche chirurgiche che esegue il Prof. Roberto Conte?
  2. Come riescono a risolvere inserendo impianti fissi in zone posteriori del mascellare superiore dove non esiste osso?

Come funzionano queste tecniche?

Abbiamo detto, che i pazienti, che si sottopongono a queste tecniche chirurgiche ordinarie chi sono?:

 

  1. 1 Innesto d’osso autologo
  2. 2 Grande rialzo del seno mascellare
  3. 3 Impianti Zigomatici QUAD ZYGOMA 4 Impianti

 

Sono quelli che presentano mancanza di osso alveolare posteriore del mascellare superiore

(Come immagine panoramica che segue con sezioni cerchiate in rosso

Generalmente le prime 2 tecniche chirurgiche, le persone cercando di avitarle, sia gli innesti d’osso che i grandi rialzi dei seni mascellari.

Detto questo l’unica tecnica chirurgica oggi a disposizione dei medici è l’implantologia zigomatica ORDINARIA DETTA QUAD ZYGOMA, Che prevede l’inseriemnto dei 4 impianti zigomatici solo nelle zona frontale del mascellare superiori 2 per ogni zigomo, non prevedendo alcun ulteriore impianto, nella zona posteriore del mascellare.

L’immagine della panoramica che segue è una rappresentazione fittizia, di come con tale tecnica si và a risolvere la mancanza di osso alveolare posteriore del mascellare superiore.

Partendo sempre dalla stessa panoramica, come verrebbe risolta con la tecnica del Galileus Cerclage Sinus™?

Partendo sempre dalla panoramica che abbiamo preso da esempio, la tecnica del Galileus Cerclage Sinus™ sarebbe intervenuta, evitando l’intervento degli impianti zigomatici. COME?

Con l’inseriemnto di 2 impianti speciali pterigoidei, messi 1 impianto per ogni lato posteriore del mascellare superiore, nelle zone contigue ma staccate dall’osso alveolare atrofico, in queste sezioni esiste un osso estremamente duro e resistente il Pterigoideo/Palatino osso Basale che non si consuma nell’arco del tempo.

In queste osso Basali, l’osso Pterigoideo/Palatino, vengono inseriti gli impianti Pterigoidei, risolvendo definitivamente l’assenza di osso e di supporto per la protesi dentale in queste zone posteriori atrofiche. Nelle zone frontali, vengono inseriti 2 impianti nasali trasversali in zona 15/25 + 2/4 impianti sub nasali sotto il premaxilla terminando il caso clinico, con innumerevoli benefici per il paziente e con una tecnica meno invasiva.

Sotto segue il reale caso clinico, riabilitato con la nostra tecnica del Galileus Cerclage Sinus™, che oltre a risolvere la grave atrofie, offre innumerevoli vantaggi al paziente come:

 

  1. 1 Tecnica meno invasiva
  2. 2 Evita i 4 zigomatici
  3. 3 Stabilità primaria della protesi dentale
  4. 4 Distribuzione dei carichi masticatori estremamente bilanciati
  5. 5 Confort durante le fasi della masticazione
  6. 6 Aumento degli elementi dentali nella protesi
  7. 7 Aumento dell’estetica, spesso e volentieri con circolari senza gengiva, grazie al minor ingobro che sarebbe stato provocato dei 4 impianti zigomatici frontali

PAZIENTE GRAVE SENZA OSSO POSTERIORE DEL MASCELLARE SUPERIORE:

PAZIENTE DA IMPIANTI ZIGOMATICI QUAD ZYGOMA

COME SIAMO RIUSCITI A RISOLVERLO EVITANDO GLI ZIGOMATICI?

Intervento a carico immediato per paziente senza osso posteriore del mascellare, riabilitato con circolari fissi senza falsa gengiva indipendentemente dalla mancanza di osso mascellare, evitando l’intervento di Implantologia Zigomatica

Nel caso che il paziente non possa sottoporsi alla tecnica del Galileus Cerclage Sinus™, quindi evitare in toto gli impianti zigomatici, per questa categoria di pazienti, eseguiamo una variante di implantologia zigomatica detta Basale.

La tecnica che viene realizzata nel nostro centro specialistico di Padova si chiama Implantologia Zigomatica Basale, diversa dalla cugina QUAD ZYGOMA, dal numero e dalle zona di stazionamento degli impianti.

In effetti la tecnica da noi adottata, viene realizzata con l’inseriemnto di soli 2 impianti zigomatici frontali 1 per ogni zigomo, nella zona posteriore, vengono inseriti 2 ulteriori impianti dentali pterigoidei 1 per lato, risolvendo definitivamente la grave atrofia con denti belli e fissi definitivi.

Questa tecnica zigomatica Variante, che viene eseguita presso il nostro centro Specialistico di Padova risulta al confronto portatrice di ulteriori benefici, come:

  1. 1 Tecnica meno invasiva
  2. 2 Evita i 4 zigomatici
  3. 3 Stabilità primaria della protesi dentale
  4. 4 Distribuzione dei carichi masticatori estremamente bilanciati
  5. 5 Confort durante le fasi della masticazione
  6. 6 Aumento degli elementi dentali nella protesi
  7. 7 Aumento dell’estetica, spesso e volentieri con circolari senza gengiva, grazie al minor ingobro che sarebbe stato provocato dei 4 impianti zigomatici frontali

Guardiamo le 2 tecniche zigomatiche a confronto

A SINISTRA LA TECNICA DI IMPLANTOLOGIA ZIGOMATICA QUAD ZYGOMA 4 ZIGOMATICI FRONTALI

A DESTRA LA TECNICA ZIGOMATICA BASALE 2 ZIGOMATICI FRONTALI + 2 PTERIGOIDEI POSTERIORI

A SINISTRA LA TECNICA DI IMPLANTOLOGIA ZIGOMATICA QUAD ZYGOMA 4 ZIGOMATICI FRONTALI

A DESTRA LA TECNICA ZIGOMATICA BASALE 2 ZIGOMATICI FRONTALI + 2 PTERIGOIDEI POSTERIORI

SEGUE IL NOSTRO CASO CON LA TECNICA VARIANTE DI IMPLANTOLOGIA ZIGOMATICA BASALE, CON SOLO 2 ZIGOMATICI FRONTALI + 2 PTERIGOIDEI POSTERIORI.

Se desideri ulteriori informazioni su queste nostre tecniche chirurgiche, puoi chiamarci direttamente al 388 7527525

Desideri verificare se puoi sottoporti e utilizzare queste tecniche chirurgiche?

Inviaci la tua panoramica a questo link